mercoledì 8 ottobre 2008

Come ha potuto accadere?

Dove ci porterà la crisi che sta scuotendo le borse mondiali nessuno può saperlo.

Tutti sanno, però, qual'è stata la causa scatenante: la crisi dei mutui "subprime" negli Stati Uniti. Mutui "subprime" è un'espressione complicata per indicare mutui concessi a soggetti che non possono offrire alcuna garanzia ... a persone senza soldi e senza reddito , insomma.

Ad un certo punto queste persone hanno visto degradare talmente le proprie capacità economiche da non essere più in grado di far fronte ai propri debiti. Nel frattempo, però, i loro debiti erano stati impacchettati (in termini tecnici si dice "cartolarizzati") e rivenduti alle banche di tutto il mondo, spargendo così il "contagio".

Come si è potuti arrivare a questo?

In tanti modi, che
sicuramenteavremo modo di dibattere a nostro agio nei periodi, comunque non allegri, che verrano.

Ieri sera, però, nel duello
Barak-McCain la domanda è stata posta e McCain è stato prontissimo ad accusare i democratici di aver determinato la situazione nell'insano desiderio di aumentare il numero di persone proprietarie di case.

Chiaro, no? Logico persino.

Eppure pare che la realtà non sia - come spesso avviene - così semplice.

In questo momento, però, non mi interessa tanto verificare in termini semplicistici la causa "tecnica" della crisi - comunque chiaramente riconducibile alle nefandezze del sistema bancario internazionale - quanto, piuttosto, mostrare lo squallore della sua ricostruzione elettorale.

Val la pena, così, di leggere l'intero post di Floyd Norris.

E' in inglese e riporta le trascrizione di un discorso di
George W.Bush (al quale McCain era doverosamente presente) e che getta una luce ancora più sinistra tra l'incrocio tra affari e potere al vertice degli USA e sulla sfrontata ingordigia di certi modi di fare affari.


Ne traduco
alcuni brevi passaggi, ma la lettura integrale merita.

Bush annuncia:

Voglio ringraziare il Congresso per aver approvato agevolazioni nel pagamento di anticipi [nelle transazioni immobiliari] che aiuteranno le persone con basso reddito a comprare la propri a casa .....

Lo stato dell'Arizona sta stanziando 2.6 milioni di dollaro per aiutare le persone con gli anticipi. Io ho proposto che le persone con garanzia FHA non paghino alcun anticipo ...

Ho fatto un'altra cosa ho chiesto alle banche private di essere più aggressive nel prestare soldi ai nuovi acquirenti di case. E la risposta è stata molto buona..."


Appunto.


4 commenti:

Neclord ha detto...

Sotto il governo Bush sono successi fatti di una gravità mai vista. Batte perfino il Silvio.

Anonimo ha detto...

Bello il nome che identifica i disgraziati da subprime : ninja (No Income, No Job, (and) no Assets ).
Sarò uno che pensa negativo ma mi ricorda tanto una situazione che ci sta evolvendo in casa...
Il ceto medio americano con la carta di credito ed il sedere allo scoperto.In un certo senso gli sta pure bene, peccato la pagheremo tutti.
Ciao,notte

P.S

Anonimo ha detto...

Ho letto la mail, grazie :-)
Ti ho risposto.

P.S

herr doktor ha detto...

@P.S.
fa un po' rabbrividire questo humor (ninja loans era un'espressione inventata prima del crak) da parte di chi opera professionalmente con questi rischi. La prima volta che ho sentito parlare di 'plain vanilla' o 'exotic' come definizioni tecniche (vedi normative delle Autority di settore) di obbligazioni (rispettivamente 'semplici' o 'strutturate') mi sono chiesto se questi bei tomi ci sono o ci fanno .....
Comunque sia chiaro: questa middle class americana non si è indebitata (solo) per comprarsi il superfluo (la casa, ad es., non lo è) ma cose basilari (come l'istruzione e la salute) che - magari - in europa sono bene o male garantite dallo stato ...........
a presto
--
h.d.

Creative Commons License
I testi di questo blog sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons.